Un meteorite che è precipitato nell’Australia sud-orientale rurale in una palla di fuoco nel 1969 conteneva il materiale più antico mai trovato sulla Terra, polvere di stelle che ha preceduto la formazione del nostro sistema solare per miliardi di anni, hanno detto gli scienziati lunedì.

I più vecchi di 40 minuscoli granelli di polvere intrappolati nei frammenti di meteorite recuperati intorno alla città di Murchison nello stato di Victoria risalgono a circa 7 miliardi di anni fa, circa 2,5 miliardi di anni prima che si formassero il sole, la Terra e il resto del nostro sistema solare, hanno detto i ricercatori.

In effetti, tutti i granelli di polvere analizzati nella ricerca provenivano da prima della formazione del sistema solare – così noti come “grani presolari” – con il 60% di essi tra i 4,6 e i 4,9 miliardi di anni e il 10% più vecchio risalente a più di 5,6 miliardi di anni fa.

La polvere di stelle rappresentava capsule temporali risalenti a prima del sistema solare. La distribuzione per età della polvere – molti dei grani erano concentrati a intervalli di tempo particolari – ha fornito indizi sul tasso di formazione stellare nella galassia della Via Lattea, hanno detto i ricercatori, suggerendo esplosioni di nascite stellari piuttosto che un tasso costante.

“Lo trovo estremamente eccitante”, ha dichiarato Philipp Heck, un curatore associato presso il Field Museum di Chicago che ha guidato la ricerca pubblicato nella rivista scientifica Proceedings of National Academy of Sciences.

“Nonostante abbia lavorato sul meteorite di Murchison e sui grani presolari per quasi 20 anni, sono ancora affascinato dal fatto che possiamo studiare la storia della nostra galassia con una roccia”, ha aggiunto Heck.

I grani sono piccoli, misurano da 2 a 30 micrometri di dimensioni. Un micrometro è un millesimo di millimetro o circa 0,000039 di pollice.

La polvere di stelle si forma nel materiale espulso dalle stelle e trasportato da venti stellari, soffiando nello spazio interstellare. Durante la nascita del sistema solare, questa polvere è stata incorporata in tutto ciò che si è formato, compresi i pianeti e il sole, ma è sopravvissuta intatta fino ad ora solo negli asteroidi e nelle comete.

I ricercatori hanno rilevato i minuscoli granuli all’interno del meteorite frantumando frammenti di roccia e quindi segregando le parti componenti in una pasta che descrivevano come profumate di burro di arachidi marcio.

Gli scienziati hanno sviluppato un metodo per determinare l’età della polvere di stelle. I granelli di polvere che fluttuano nello spazio vengono bombardati da particelle ad alta energia chiamate raggi cosmici. Questi raggi scompongono gli atomi nel grano in frammenti, come il carbonio in elio.

Questi frammenti si accumulano nel tempo e il loro tasso di produzione è piuttosto costante. Più lungo è il tempo di esposizione ai raggi cosmici, più frammenti si accumulano. I ricercatori hanno contato questi frammenti in laboratorio, consentendo loro di calcolare l’età della polvere di stelle.

In precedenza gli scienziati avevano trovato un granello presolare nel meteorite di Murchison che aveva circa 5,5 miliardi di anni, fino ad ora il materiale solido più antico conosciuto sulla Terra. I minerali più antichi conosciuti che si sono formati sulla Terra si trovano nella roccia dell’Australia Jack Hills che si è formata 4,4 miliardi di anni fa, 100 milioni di anni dopo la formazione del pianeta.

© Thomson Reuters 2019

Link alla fonte

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here