Intel ha lanciato ufficialmente di recente le CPU della serie H Core Comet Lake di decima generazione per laptop ad alte prestazioni, ma è solo questa settimana che possiamo discutere delle prestazioni. Destinata alla produttività di fascia alta e ai laptop da gioco, questa recensione analizzerà in modo completo il Core i7-10875H, che è il chip più interessante della nuova serie.

Lo confronteremo con prodotti precedenti come Core i9-9880H, Core i7-9750H e il nuovo Ryzen 9 4900HS di AMD per vedere come si accumula per una produttività mobile ad alte prestazioni. Nelle prossime settimane e mesi speriamo di controllare una gamma di altre CPU di decima generazione e fare tutti i tipi di confronti, comprese le immersioni più profonde nella nuova parte a sei core e come costano queste chips per i giochi.

Questa è stata una generazione interessante per Intel. Le prime parti di laptop di decima generazione lanciate molti mesi fa nell’agosto 2019. Abbiamo visto una divisione nelle confuse serie Comet Lake e Ice Lake U, una su 14nm e una su 10nm. Non esiste una tale divisione per questi chip da 45 W di potenza superiore della serie H: Intel offre solo Comet Lake, che è il loro derivato Skylake a 14 nm. In effetti, cinque anni dopo il lancio di Skylake, Intel sta ancora spingendo fuori “nuove” CPU con la stessa architettura di base.

Le parti della serie H che offrono 8 core non sono nuove, ma con la famiglia di nona generazione sono state limitate alla serie Core i9 che è stata vista solo su notebook molto costosi. L’inclusione di una nuova SKU a 8 core nella gamma Core i7 significa che il Core i7-10875H porta un processore a 8 core a 16 thread in un mercato un po ‘più mainstream. Il resto della gamma Core i7 offre sei core e dodici thread come con la generazione precedente. Intel ha anche ridotto la gamma Core i9 fino a un solo chip a 8 core con clock più alti rispetto alla CPU i7. Infine, la gamma Core i5 rimane come quad core.

Le specifiche elencate per il Core i7-10875H sono molto simili al Core i9-9880H di ultima generazione: abbiamo un clock di base di 2,3 GHz, 16 MB di cache L3 e un TDP 45W. Le uniche modifiche si sono verificate nelle specifiche boost. Intel sta promuovendo la capacità del chip di spingere fino a 5,1 GHz su un singolo core (fino a 4,8 GHz). Tuttavia, ciò è possibile solo con ciò che Intel chiama “Thermal Velocity Boost”. In sostanza, questo offre al processore 200 MHz di frequenza extra quando funziona sotto 65C e 100 MHz quando funziona sotto 85C. Se la CPU non funziona in modo ottimale, la frequenza turbo massima effettiva raggiunge i 4,9 GHz.

Thermal Velocity Boost ha debuttato nei processori Core i9 di nona generazione tra cui il 9880H, ma Intel ha modificato le soglie di temperatura e l’ha aggiunto alla linea Core i7 in questa generazione.

Per quanto riguarda le frequenze turbo all-core, Intel lo elenca come 4,3 GHz per 10875H, in aumento da 4,1 GHz con 9880H. In breve, stiamo ottenendo aumenti della velocità di clock da 200 a 300 MHz in condizioni turbo con 10875H rispetto a 9880H. Tuttavia, con i clock di base e i limiti di potenza che rimangono gli stessi, ci aspettiamo che le velocità di clock a lungo termine siano simili tra i processori, che esploreremo un po ‘più tardi.

Prima di entrare nei benchmark, parliamo delle condizioni del test …

Per la revisione abbiamo il Gigabyte Aorus 15G XB, che racchiude il Core i7-10875H in più configurazioni di potenza insieme al nuovo RTX 2070 Super Max-Q di Nvidia. Tratteremo la GPU in una recensione separata, quindi assicurati di verificarlo. L’Aorus è stato dotato di un display 1080p 240Hz e 16GB di DDR4-2933, la nuova velocità RAM massima supportata da parti di decima generazione.

Questa non è una recensione del laptop, ma dobbiamo menzionare i nuovi interruttori a chiave meccanica Omron su questo laptop, sono davvero buoni. Nel realizzare laptop da gioco sottili e leggeri, una delle aree che tendono a soffrire è la tastiera, molti sono davvero spazzatura, ma questo è un interruttore scattante e sorprendentemente soddisfacente per un design così basso profilo. L’esperienza di digitazione è migliore di quanto ci aspettassimo, quindi complimenti a Gigabyte per aver scelto questo.

Testare l’hardware del laptop in una configurazione da mela a mela è una sfida poiché ogni sistema è leggermente diverso. Per tutti i risultati che vedrai oggi, abbiamo provato a rimuovere quante più variabili possibili. Ciò significa che tutti i sistemi dispongono di memoria a doppio canale e tutti sono configurati per utilizzare la configurazione e le impostazioni di potenza del processore predefinito Intel, se non diversamente indicato. Quindi calcoliamo insieme la media dei risultati di configurazioni equivalenti di laptop (non solo di un modello) per fornire una visione generale delle prestazioni di una determinata CPU.

Spesso i laptop vengono un po ‘overcloccati fuori dalla scatola e hanno utility che ti consentono di cambiare vari obiettivi di potenza e limiti PL1 o PL2. Per i test stiamo impostando ogni laptop sul limite PL1 di 45 W predefinito di Intel. L’Aorus 15G, ad esempio, utilizza un limite di 52 W per impostazione predefinita e consente di scegliere tra cinque diversi limiti da 38 W a 62 W. Oggi abbiamo anche testato la configurazione 62W. Il limite di potenza di scoppio breve, PL2, è 80W con tutte le configurazioni.

Il motivo per cui lo facciamo è che possiamo confrontare le prestazioni del processore a un determinato livello di potenza. A differenza dei desktop, il consumo di energia è cruciale nei laptop: un numero maggiore di componenti che richiedono molta energia richiede dispositivi di raffreddamento più grandi e quindi laptop più grandi. Il confronto di chip con un livello di potenza equivalente ci consente di vedere come si sarebbero comportati in un tipo equivalente di design (controlla l’elenco completo dei laptop testati per questa recensione). Dopotutto, confrontare solo una CPU da 80 W con una CPU da 35 W nei laptop non avrebbe molto senso, dal momento che semplicemente non si poteva mettere il chip da 80 W in un design che ha solo 35 W di capacità di raffreddamento.

Un’altra cosa che la gente potrebbe chiederci è la prestazione inflessibile, dato che è molto popolare tra gli appassionati di laptop. Sfortunatamente, la sottotensione è disabilitata con la 10875H sull’Aorus 15G e probabilmente anche su altri modelli. Sospettiamo che ciò sia dovuto alla vulnerabilità di sicurezza di Plundervolt con le CPU Intel, sebbene non abbiamo ricevuto una dichiarazione ufficiale in merito.

Punti di riferimenti

Iniziamo la serie di benchmark con il Cinebench R20 preferito da tutti. Questo carico di lavoro di rendering beneficia piacevolmente dei due core aggiuntivi aggiunti nel mix: l’8-core 10875H finisce il 12 percento più veloce del Core i7-9750H di ultima generazione con sei core nel test multi-thread. Tuttavia, ciò che è forse un po ‘una sorpresa, le prestazioni non coincidono con l’i9-9880H: questa nuova parte a 8 core è più lenta del 6% rispetto al precedente processore Intel Core i9 con lo stesso numero di core. Ciò suggerisce che il 10875H non sta registrando un clock abbastanza alto come il 9880H.

La 10875H è anche dominata dalla Ryzen 9 4900HS di AMD nonostante consuma più energia, rimanendo indietro del 30% rispetto al nuovo concorrente Zen 2 in questo carico di lavoro. Anche quando aumentiamo il limite di potenza fino al massimo supporto Gigabyte con Aorus 15G, a 62 W, ​​resta ancora del 18% indietro rispetto alle straordinarie prestazioni multi-core che AMD offre qui.

Tuttavia, la storia è diversa con il carico di lavoro a thread singolo. Grazie a velocità di clock più elevate, il 10875H è dell’8 percento più veloce del 9880H in questo test a filo singolo ragionevolmente lungo, oltre all’1% in più rispetto al 4900HS. In precedenza, il 9880H poteva tranquillamente far funzionare un singolo core a ~ 4.6 GHz a lungo termine entro il limite di potenza di 45 W, quindi aumentare il limite di frequenza fino a 4,9 GHz, che è ciò che normalmente vediamo nel carico di lavoro a thread singolo, consente prestazioni più veloci rispetto alle CPU di vecchia generazione qui.

Vediamo prestazioni molto simili in Cinebench R15, anche se 10875H è un po ‘più lento nel test multi-thread rispetto ad altre CPU rispetto al carico di lavoro R20. Compensando per questo è un miglior punteggio a thread singolo, il 10875H è fino al 10% più veloce del 4900HS.

Il freno a mano è un altro carico di lavoro multi-thread a lungo termine e assistiamo a un moderato aumento delle prestazioni per questa CPU Core i7 rispetto all’i7-9750H, con un progresso dell’11%. Tuttavia, come con Cinebench, il 10875H non può eguagliare il 9880H e rimane indietro rispetto al Ryzen 9 4900HS, anche quando si spinge fino a 62W di consumo energetico. Se hai intenzione di utilizzare il tuo laptop per la codifica video x265, un’APU Ryzen a 8 core sarebbe una scelta migliore dato il suo forte vantaggio prestazionale.

Blender segue la tendenza che abbiamo visto negli ultimi due benchmark: il 10875H è decisamente più veloce del 9750H, in questo caso il 19% più veloce, ma non riesce a tenere il passo con il 9880H, arrivando al 3% in meno. Il 10875H è anche sostanzialmente più lento del Ryzen 9 4900HS. Come nei due esempi precedenti, Intel non ha le prestazioni per abbinare AMD in attività multithread a lungo termine e non si avvicina in termini di efficienza.

La compressione 7-Zip è un ottimo esempio di carico di lavoro multi-thread a breve termine che viene eseguito interamente nello stato boost della CPU. Grazie a un generoso limite di potenza PL2 di 80 W, il 10875H ha una potenza sufficiente per alimentare tutti e 8 i core e avanzare in modo sostanziale rispetto al 9750H, arrivando il 26% più veloce in decompressione e il 34% più veloce in compressione. Riesce anche a eguagliare le prestazioni del 9880H.

Il confronto tra Intel e AMD in questo test mostra che AMD sta andando molto avanti nella decompressione, che probabilmente sarà il carico di lavoro più usato dei due. Tuttavia, Intel è il 10% più veloce per la compressione, sospettiamo che sia stato aiutato in modo significativo dalla sua cache più grande, a 16 MB rispetto a soli 8 MB sul lato AMD.

Excel con calcoli di grandi dimensioni è un altro punto di riferimento favorevole al nuovo Core i7-10875H. Mentre è ancora un po ‘più lento dell’i9-9880H, arriva il 18% più veloce rispetto al 9750H e il 9% più veloce rispetto al Ryzen 9 4900HS. Questo è un breve test multi-thread e con Intel che fa esplodere piacevolmente il suo stato di boost ottenendo la vittoria.

Per una produttività più leggera e un utilizzo generale delle app, il Core i7-10875H di Intel fa bene ma non è il vincitore in fuga. Nel carico di lavoro sulla produttività di PCMark, il 10875H è circa il 6% più lento del 4900HS, mentre batte facilmente il 9750H, mentre nel test Essentials che include il caricamento delle app e la navigazione web leggera, il 4900HS e il 10875H offrono prestazioni equivalenti. Entrambe le 8 offerte principali qui sono un passo sopra le precedenti CPU della serie H, quindi puoi aspettarti un miglioramento di circa il 10 percento.

Un caso particolarmente interessante per il 10875H è MATLAB R2020a che utilizza il benchmark integrato. In precedenza abbiamo scoperto che il Core i9-9880H era in grado di prendere la corona del Ryzen 9 4900HS in questo strumento di ingegneria. Tuttavia, la 10875H non riesce a tenere il passo con la 9880H in ritardo di circa l’8%.

L’esportazione in PDF di Acrobat è una vittoria facile per il Core i7-10875H, facendo saltare questo test single-core a tempo di record grazie a una combinazione di dimensioni della cache elevate e alte frequenze. Questo è uno dei peggiori risultati per Ryzen, semplicemente non può eguagliare la velocità di scoppio che Intel offre per questo carico di lavoro di esportazione in immagine.

Tuttavia, questo si lancia per la crittografia AES-256. SiSoft Sandra mostra la scanalatura 10875H tra 9880H e 9750H per la larghezza di banda della crittografia, ma ben dietro Ryzen 9 4900HS. Ciò significa che per le attività di crittografia o decrittografia, le CPU Ryzen dovrebbero essere in grado di finire in anticipo.

Ora entriamo in alcuni carichi di lavoro più pesanti, quindi c’è qualcosa da discutere qui. Inizieremo qui con il test Iris Blur di Adobe Photoshop, che è per lo più limitato dalla CPU quando si dispone di una GPU discreta mezzo decente, come nel caso della maggior parte dei laptop della serie H. È una battaglia serrata in alto tra le opzioni a 8 core, la 10875H è del 5% dietro la 9880H ma il 6% davanti alla Ryzen 9 4900HS.

E vediamo margini simili nel carico di lavoro di Photoshop di Puget. Il 10875H non è la CPU più veloce per Photoshop, ma è un chip molto capace in questa app e in particolare davanti al Ryzen 9 4900HS. È anche un 16% più veloce rispetto alla 9750H, Photoshop ama la frequenza ma ama anche i core a seconda dell’attività che si sta eseguendo e la 10875H è più veloce in entrambi gli aspetti.

Tempo per alcuni risultati di Adobe Premiere. Intel beneficia di questa applicazione dalla codifica con accelerazione hardware tramite QuickSync, qualsiasi configurazione che non lo supporta, che include tutti i processori AMD e il nostro laptop di prova i9-9880H rimane un po ‘indietro in questo test.

Ad esempio, nel test di esportazione Puget, Ryzen 9 4900HS equivale a un i7-9750H abilitato QuickSync, mentre il 10875H arriva con l’11% più veloce, anche se con una GPU più veloce. Tuttavia, in questo particolare carico di lavoro non siamo spesso limitati alla GPU, Intel vede prestazioni migliori qui grazie al supporto di QuickSync e in molti casi questo lo rende una scelta migliore per coloro che amano esportare video in Premiere.

Mentre le configurazioni Intel possono essere fino al 25% più veloci in specifici test accelerati QuickSync, Ryzen è più veloce per la codifica software, ad esempio quando si esegue una codifica H.264 a 2 passaggi utilizzando le impostazioni che utilizziamo per il rendering dei video di YouTube.

Intel resta indietro anche nel test di Live Playback di Puget: mentre il 10875H è il 2% più veloce del 9880H, è del 9% dietro al Ryzen 9 4900HS per la visualizzazione di filmati nella timeline. È anche significativamente più lento per l’esecuzione di effetti leggermente filettati come lo stabilizzatore di curvatura: il 10875H è il 3% più veloce di un 9750H per stabilizzare il metraggio, ma il 15% più lento della CPU Zen 2 di AMD. Questo non è un test completo a thread singolo, utilizza 1-2 core con una singola istanza e sembra che Intel stia vedendo guadagni solo quando il 100% a thread singolo.

Ecco come il Core i7-10875H si confronta con il Core i9-9880H a velocità di clock nei primi dieci minuti del nostro test del freno a mano x265. Entrambe le CPU oscillano tra 2,7 GHz e 2,8 GHz all-core per la maggior parte, che ovviamente è ben al di sotto del turbo all-core da 4,3 GHz nominale per questo processore. Ma i processori mobili in genere non riescono ad avvicinarsi a quei numeri all-core a lungo termine, a causa dei loro limiti di potenza.

Con velocità di clock così vicine tra questi due processori, ciò suggerisce che Intel non ha apportato miglioramenti all’efficienza a 14 nm tra la nona e la decima generazione. In questo test il 9880H è più veloce, circa l’1,5% più veloce, e ciò sembra scendere a velocità di clock molto più alte in media con il 9880H, nei primi 10 minuti il ​​9880H ha avuto un clock dell’1% in più in media.

Confronti delle prestazioni

Prima di concludere questo, diamo un’occhiata ad alcuni confronti delle prestazioni. Inizieremo qui con l’i7-10875H contro l’i9-9880H, una battaglia di due CPU molto simili. Il 10875H ha un chiaro vantaggio nei carichi di lavoro a thread singolo, ma al di fuori di questo, il 9880H è più veloce.

Core i7-10875H vs. Core i9-9880H

Leggermente più veloce nelle attività multi-thread a lungo termine e moderatamente più veloce nelle attività a breve termine in cui il limite PL2 più elevato per il nostro sistema 9880H porta a un vantaggio. Dal punto di vista dell’efficienza, entrambe le CPU sembrano identiche e questo è fondamentalmente perché lo sono.

Core i7-10875H vs. Core i7-9750H

Il Core i7-10875H offre un vantaggio in termini di prestazioni in questo confronto. Nei carichi di lavoro a thread singolo ciò potrebbe comportare un aumento del 15-20 percento, mentre per i thread multipli stiamo osservando dal 10 al 20 percento a seconda del test. Il 10875H è universalmente più veloce in quanto ha sia più core che frequenze turbo single-core più elevate entro lo stesso limite di potenza. Dato che può eseguire più core con una riduzione della frequenza relativamente piccola, finisce per rimanere in un punto più efficiente sulla curva della frequenza di tensione, motivo per cui vediamo prestazioni più elevate nonostante lo stesso limite di potenza di 45 W.

Per quanto riguarda l’aumento del TDP di questo processore dai suoi 45W predefiniti ai 62W massimi supportati dal nostro Gigabyte Aorus 15 (al di fuori dell’utilizzo di XTU), puoi aspettarti un miglioramento delle prestazioni fino al 18% nei carichi di lavoro multi-thread a lungo termine. Tuttavia, i guadagni per la maggior parte degli altri carichi di lavoro sono limitati in quanto sono single-core o utilizzano solo il periodo di boost, che rimane invariato.

Core i7-10875H vs. Ryzen 9 4900HS

Il Core i7-10875H è generalmente più lento del Ryzen 9 4900HS mentre consuma più energia. Ciò è particolarmente vero per qualsiasi carico di lavoro multi-thread a lungo termine, in cui il 10875H è più lento del 25-30%. Nei test leggermente filettati, il 10875H tende ad essere equivalente all’efficiente design Zen 2 di AMD o leggermente più lento. Tuttavia, il 10875H prende il comando nei test a thread singolo, oltre a qualsiasi cache limitata, come Excel o Photoshop. I carichi di lavoro che utilizzano QuickSync come le esportazioni Adobe Premiere sono anche più veloci sulla CPU Intel.

Nonostante sia in grado di aumentare facilmente il limite di potenza del 10875H, cosa che il nostro sistema di test Ryzen 9 4900HS nell’Asus Zephyrus G14 non ha fatto, il 10875H è ancora generalmente più lento nella maggior parte dei carichi di lavoro a 62 W, ​​soprattutto per qualsiasi operazione a lungo termine o multi-thread . A meno che tu non riesca a trovare un sistema 10875H che aumenti davvero tale budget fino a oltre 90W, ci aspettiamo che la maggior parte delle configurazioni 10875H arrivino dietro un sistema Ryzen simile in questo tipo di test.

Cosa abbiamo imparato

Questo è il primo processore Comet Lake H di decima generazione che abbiamo testato e probabilmente il più interessante del gruppo. Alcuni potrebbero guardare il Core i7-10875H con scetticismo, con Intel che mantiene il processo a 14 nm e l’architettura Skylake. Questa è una prospettiva valida, ma pensiamo che ci siano alcuni aspetti positivi, quindi ne parleremo per primi.

Il più grande è Intel che porta per la prima volta 8 core nello spazio Core i7. Spendere un bel po ‘di soldi per ottenere un sistema Core i9 se si voleva un processore a 8 core non valeva la pena per la maggior parte del tempo, ma ora grazie alla concorrenza, la mano di Intel è stata costretta a offrire le precedenti prestazioni Core i9 a un prezzo più basso . In pratica stiamo ottenendo dal 10 al 20 percento in più di prestazioni rispetto a una CPU 9750H.

Intel detiene anche la corona delle prestazioni a thread singolo. Non è perché stanno colpendo 5 GHz – perché nella maggior parte dei casi non lo sono – ma anche a 4,8 GHz ragionevolmente alti, hanno le migliori prestazioni a thread singolo. In combinazione con una cache più grande e alcuni vantaggi di nicchia come il supporto QuickSync nelle applicazioni, ci sono alcuni carichi di lavoro in cui la CPU a 8 core di Intel è la più veloce.

Ora, prendi in considerazione che il 10875H a 8 core non sostituisce il Core i7-9750H, utilizzato in un’ampia gamma di sistemi. Almeno a breve termine, aspettati di vederli più convenienti Laptop 9750H ottenere un aggiornamento al 10750H a sei core, non al 10875H.

Siamo stati in grado di raccogliere alcune informazioni sui prezzi da produttori come MSI e Gigabyte e il Core i7-10875H si posizionerà ancora al di sopra del 10750H. Non abbastanza lassù con Core i9s di vecchia data, ma comunque ragionevolmente costoso. Il 10875H più economico di MSI il laptop, ad esempio, inizia a $ 1,800 con una GPU RTX 2060, mentre 10750H è disponibile in $ 1,200 sistemi. Il confronto diretto dei loro sistemi Creator 17 mostra che il laptop 10875H è un’opzione aggiuntiva di $ 300. Inoltre, la maggior parte dei laptop che utilizzano 10875H sono i tuoi premi Unità RTX classe 2070.

Ciò che è cambiato da anni prima è che AMD si unisce al partito e lo sta facendo con uno schema di prezzi più aggressivo. In questo momento puoi ottenere un Asus TUF Gaming A15 con Ryzen 7 4800H e RTX 2060 per solo $ 1.200. I laptop Intel che dispongono anche di RTX 2060 e competono sul prezzo utilizzano una CPU a sei core, non questo nuovo 8 core.

È possibile che il Core i7-10875H vedrà la concorrenza diretta della Ryzen 9 4900HS, che è significativamente più veloce a lungo termine e multi-thread. Stanno per competere con una produttività più leggera e applicazioni di tipo burst, mentre Intel è all’avanguardia nei carichi di lavoro a thread singolo. A questo proposito, ciò che resta da vedere è quanto AMD possa soddisfare i produttori di laptop, dopo tutto è un nuovo arrivato in questo segmento in cui Intel ha governato da sola per molto tempo. La maggior parte degli OEM ha optato per il lancio di laptop serie H di fascia alta con componenti Intel di decima generazione e solo pochi offrono la possibilità di passare a Ryzen.

Il prossimo passo è testare quale CPU è più veloce per i giochi GPU discreti di fascia alta. È qualcosa che dovremo esplorare quando avremo a portata di mano i laptop giusti. Prevediamo che questa sarà una battaglia ravvicinata, ma non vorremmo chiamarla in entrambi i modi fino a quando non eseguiremo i benchmark. Cercalo nelle prossime settimane.

Link alla fonte

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here